Koimano Logo
KOIMANO > Scienza > Controllare con la luce il funzionamento del cervello

Controllare con la luce il funzionamento del cervello

mercoledì, 14 Dicembre, 2016
Controllare con la luce il funzionamento del cervello

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Controllare con la luce il funzionamento del cervello. È possibile controllare con la luce singole cellule nervose e modificare di conseguenza dei comportamenti: è quanto emerge dall’esperimento che ha applicato dei fasci laser al cervello di topi, inducendo gli animali a bere una bibita a velocità diverse. Condotto dal gruppo coordinato da Karl Deisseroth e da Joshua Jennings, dell’università di Stanford in California, lo studio è stato presentato al convegno della Società Americana di Neuroscienze, riporta Nature sul suo sito.

Controllare con la luce il funzionamento del cervello. La tecnica è chiamata optogenetica e viene usata per controllare un comportamento

Deisseroth è pioniere della tecnica chiamata optogenetica, che utilizza la luce per attivare e disattivare specifici neuroni, ed è la prima volta che la tecnica viene usata per controllare un comportamento.

Per il neuroscienziato Salvatore Aglioti, dell’università Sapienza di Roma,

“è un ulteriore passo in avanti in questo campo e potrebbe aprire la strada al controllo di specifici circuiti che controllano funzioni complesse, come la tendenza all’abuso di sostanze o le relazioni sociali”.

Più in generale l’obiettivo della ricerca è anche utilizzare il laser per ottenere la mappa completa e più precisa possibile delle funzioni controllate dal cervello.

I ricercatori hanno condotto l’esperimento su topi che erano stati geneticamente modificati in modo da rendere sensibili alla luce i neuroni di una regione del cervello chiamata corteccia orbitofrontale, coinvolta nella percezione e reazione alla ricompensa. In pratica i neuroni di questi topi contengono proteine che quando illuminate dal laser attivano le cellule. La novità, ha osservato Aglioti, è che

“sono riusciti con la luce laser ad accendere in modo selettivo singoli neuroni, finora invece si potevano controllare gruppi”.

Grazie a questo, quando i ricercatori hanno colpito con fasci laser i singoli neuroni della ricompensa hanno aumentato il ritmo con cui i topi consumavano un frullato ad alto contenuto calorico.

 

Fonte

Regalati fino al 50% di sconto al suo primo acquisto
usando il tuo codice qui sotto per iscriverti.
wsdvdnz