Strano scheletro rinvenuto ad Arkaim la Stonehenge Russa ha la testa allungata - KOIMANO
VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Strano scheletro rinvenuto ad Arkaim la Stonehenge Russa ha la testa allungata


Uno strano scheletro con un teschio dalla forma insolita è stato portato alla luce in un luogo conosciuto come la Stonehenge della Russia. Quando le prime immagini dei resti fossili sono stati pubblicati sulle riviste di settore, gli appassionati di UFO si sono precipitati a sostenere che era una prova certa che gli alieni, in un lontano passato, avevano visitato la Terra.

Dopo gli esami del caso, gli archeologi hanno rivelato che le ossa appartenevano ad una donna che è vissuta quasi 2.000 anni fa. La deformazione del suo cranio allungato, sembrerebbe causato dalle pratiche della tradizione tribale dell’epoca.

I resti sono stati trovati in Arkaim, vicino a Chelyabinsk in Russia centrale. L’insediamento risale a quasi 4.000 anni fa. Si ritiene che la donna apparteneva a una tribù che faceva parte della zona che oggi conosciamo come Ucraina.

Il ricercatore Maria Makurova ha dichiarato attraverso l’agenzia di stampa russa TASS:

“Abbiamo trovato uno strano scheletro ben conservato. Io non escluderei la possibilità che lo strano scheletro appartienga a una donna della tribù Sarmati. I Sarmati vivevano nei vasti territori che oggi corrispondono a Ucraina, Kazakistan e Russia meridionale. Il suo cranio era allungato perché la tribù a quel tempo legava le teste dei loro figli con la corda. Era chiaramente una tradizione nella tribù.”

L’ANTICO SITO DI ARKAIM DOVE E’ STATO TROVATO LO STRANO SCHELETRO

ARKAIM

ARKAIM

Arkaim si trova negli Urali meridionali in Russia e si pensa che risalga al 17 ° secolo aC. Il 220.000 piedi quadrati (20.000 metri quadrati) di insediamento, era protetto da due pareti circolari prima che fosse bruciato e abbandonato. Aveva una piazza centrale circondata da due cerchi di case separate da una strada. Lo storico KK Bystrushkin, nel 2003, lo ha paragonato per struttura al sito della più famosa Stonehenge, affermando che l’antico popolo lo usava per studiare le stelle.

Tuttavia, la sua interpretazione non è universalmente accettata e successivamente si è rifiutata di rilasciare commenti riguardanti alcune ipotesi esterne che attribuiva la causa a dei visitatori alieni. Ha comunque detto che attualmente si stà ancora lavorando sulle possibili teorie e sul perché la tribù abbia adottato una simile tradizione, tenendo conto che a quell’epoca non avevano ancora fissato nulla come base ragiosa.

Si pensa che lo scheletro possa risalire tra il II e III secolo d.C., il che rende molto più giovane del luogo del ritrovamento. Questo è solo un altro dei misteri rinvenuti presso lo spettacolare sito di Arkaim noto come la Stonehenge Russa, che si ritiene sia stata costruita intorno al XVII secolo a.C. Alcuni pensano che negli ultimi 5000 anni la sua controparte inglese, sia stata utilizzata per lo studio e l’analisi delle stelle, ma a quanto sembra, Arkaim appare pensato per un uso più avanzato.

Stonehenge consentiva osservazioni di 10 fenomeni astronomici utilizzando 22 elementi in pietra, mentre Arkaim permette osservazioni di ben 18 fenomeni utilizzando fino a 30 elementi. Ciò significa che gli antichi avrebbero potuto osservare e monitorare gli eventi nel cielo utilizzando il sito in base a determinati punti di osservazione. Arkaim nel passtato avrebbe offerto più eventi osservabili rispetto alla più nota Stonehenge.

ARKAIM citta

ARKAIM citta

Archeologo russo K.K. Bystrushkin, che nel 2003 ha fatto il confronto tra i due siti, ha detto che Stonehenge offre una precisione di osservazione in un arco di 10 minuti, mentre Arkaim offre una precisione 10 volte maggiore. Questa precisione costruttiva era sconosciuta nel tempo in cui il monumento si pensa sia stato eretto.

Il sito archeologico Akraim è stato scoperto nel 1987 e da allora si sono fatte scoperte spettacolari, tra cui, alcuni reperti che sembrerebbero risalire aell’età del bronzo. Oltre ad essere un primitivo osservatorio astronomico era anche un paese con la vua vita e fu fortificato da due pareti circolari composte da pietre di dimensioni enormi.

Ricordiamo che l’insediamento si estende su una superficie di circa 220.000 piedi quadrati (20.439 metri quadrati) ed è composto da due serie di abitazioni disposte in cerchio e separate da una strada, al centro del complesso era presente una piazza comunale.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up