Dugongo o mucca di mare si credeva estinto è stato pescato in Tanzania


Il dugongo è un animale che è stato sempre attivamente cacciato e che rischia l’estinzione. Scambiati dagli antichi marinai per ‘sirene’, sono stati classificati come ‘sirenidi’

Un dugongo, conosciuto anche come mucca di mare, è stato pescato al largo della coste della Tanzania. E’ lungo due metri e pesa 300 chilogrammi: è il primo esemplare pescato in questi mari dove una volta allignavano numerosi.

Anni di pesca dissennata, e la devastazione del loro habitat naturale hanno reso tali grandi mammiferi marini tra le specie a maggior rischio di estinzione. Da molti anni gruppi ecologici stanno operando nella regione per recuperare gli habitat delle mucche di mare, che sono erbivore, e quindi si cibano di fatto esclusivamente di alghe. L’averne pescata una dopo 70 anni anche se sarebbe di certo stato preferibile un semplice avvistamento potrebbe significare, almeno nelle speranze, che l’operazione dei conservazionisti comincia a dare i primi frutti.

Gli antichi marinai spesso erano portati ad immaginare che tali grandi mammiferi, per le loro forma e le loro grida, altro non fossero che le mitiche sirene. I dugonghi raggiungono una lunghezza di 3 metri ed un peso di 200 kg, sono diffusi nel Mar Rosso, lungo le coste dell’Oceano indiano dall’Africa all’Asia e all’Australia. Appartengono alla famiglia dei sirenidi, insieme ai lamantini che raggiungono invece i 5 metri di lunghezza ed un peso di 700 kg.

Perchè il dugongo è stato scambiato per una sirena?

I sirenidi devono il nome al fatto che l’uomo li ha da sempre scambiati – tra i primi anche Cristoforo Colombo – per mitologiche sirene. L’accostamento deriva sia dal fatto che la femmina di questa specie allatta i suoi cuccioli attraverso vere e proprie mammelle pettorali sia perché, nell’allattarli, li sorregge con pinne molto simili a braccia di donna. I sirenidi hanno un corpo fusiforme, arti anteriori brevi e a forma di palette provviste di cinque dita fornite di piccole unghie. Gli arti posteriori sono assenti, la coda è appiattita orizzontalmente a formare una pinna. Il muso è smussato con bocca piccola e labbra carnose provviste di setole. Questi animali hanno occhi piccoli e orecchi privi di padiglione. Il loro corpo è rivestito da una pelle dura e resistente, cosparsa di rari peli. Questi grossi mammiferi marini vivono nelle acque costiere dove pascolano sulle praterie sottomarine e spesso si inoltrano negli ambienti continentali, risalendo le foci dei fiumi.

Fonte

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

LAST WORLD NEWS 24 - logo

LAST WORLD NEWS 24

Notizie dai quotidiani mondiali in tempo reale
scaricala ora

Scroll Up