Koimano Logo
martedì, 18 Ottobre, 2016

pillola-contraccettiva-puo-aumentare-il-rischio-di-depressione

Condividi questo articolo con i tuoi amici

Pillola contraccettiva può aumentare il rischio depressione. La depressione è un rischio che aumenta dell’80 per cento per le adolescenti tra i 15 e i 19 anni che prendono la pillola contraccettiva. Un problema che aumenta del 120 per cento con la minipillola progestinica.  A rivelarlo è uno studio dell’Università di Copenhagen, pubblicato sulla rivista Jama Psychiatru. Secondo la ricerca il pericolo depressivo aumenta del 23 per cento per le donne di età compresa tra i 20 e i 34 anni che usano la pillola combinata di estrogeni e progesterone e del 34 per cento per le coetanee che assumono la minipillola progestinica.

Pillola contraccettiva può aumentare il rischio di depressione. Lo studio

I ricercatori danesi sono arrivati a queste conclusioni dopo aver analizzato le cartelle cliniche di un milione di donne tra i 15 e 34 anni per tredici anni, scoprendo che a più di 133mila di loro erano stati prescritti farmaci antidepressivi e a circa 23mila era stata diagnosticata la depressione. Tutte le donne e ragazze coinvolte nello studio non avevano avuto episodi di depressione prima di prendere la pillola.

“Serviranno degli approfondimenti – spiega Ojvind Lidegaard, coordinatore della ricerca – per etichettare la depressione come un potenziale effetto collaterale dei contraccettivi ormonali”.

L’e-book sulla contraccezione

Un tema delicato quello della contraccezione che ha spinto Società medica italiana per la contraccezione a promuovere  il progetto Mettiche. Più di duecento domande e risposte per preparare i giovani. Dall’educazione sentimentale alla pillola del giorno dopo, dalle gravidanze indesiderate all’utilizzo del preservativo.

“Abbiamo cercato di colmare un vuoto che percepiamo lavorando con i giovani – spiegano i promotori di Mettiche, il progetto della Società medica italiana per la contraccezione – dando vita a una guida che vada incontro ai loro dubbi, alle loro richieste, alle loro paure”.

Da un anno è disponibile anche una app informativa sui problemi legati alla contraccezione e un gioco per smartphone, PrincessGame, che insegna a prendere le dovute precauzioni in modo corretto.

Claudio Cucciatti