Fare arte per riconoscere l'Alzheimer e altre malattie neuro degenerative - KOIMANO
VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Fare arte per riconoscere l’Alzheimer e altre malattie neuro degenerative


Riconoscere l’Alzheimer con l’arte. Picasso, Monet, Chagall, Dalì: dallo studio delle loro celebri pennellate potrebbe nascere un nuovo metodo per la diagnosi precoce delle malattie neuro degenerative come l’Alzheimer. A indicarlo è una ricerca internazionale coordinata dall’Università di Liverpool e pubblicata sulla rivista Neuropsychology.

Fare arte per riconoscere l’Alzheimer e migliorare la qualità di vita

«L’arte è da tempo considerata come un metodo efficace per migliorare la qualità di vita dei pazienti con disturbi cognitivi», spiega la coordinatrice dello studio, Alex Forsythe.

«Noi siamo partiti da questa tradizione e abbiamo colto la “grafia” degli artisti analizzando il loro legame con il pennello e la pittura: questo metodo – aggiunge la psicologa – ha il potenziale per scoprire l’insorgenza di problemi neurologici».

Il gruppo di ricerca lo ha verificato esaminando oltre duemila dipinti realizzati negli corso degli anni da sette artisti famosi: due colpiti da Parkinson (Salvador Dalì e Norval Morrisseau), due dall’Alzheimer (James Brooks e Willem De Kooning) e tre invecchiati senza malattie neurodegenerative (Marc Chagall, Pablo Picasso e Claude Monet).

Le impronte della natura

Le loro pennellate su ciascuna opera sono state analizzate utilizzando un metodo matematico non tradizionale che permette di identificare complessi oggetti geometrici chiamati frattali: spesso definiti come le impronte della natura, si ripetono nella loro forma su scale diverse, ad esempio nelle nuvole, nella struttura degli alberi e nei fiocchi di neve. Proprio la loro analisi viene sfruttata in ambito artistico per determinare l’autenticità delle opere: sebbene gli artisti possano disegnare seguendo stili e generi diversi, la dimensione frattale in cui operano rimane comunque riconoscibile.

Partendo da questo presupposto, i ricercatori hanno cercato di capire se i frattali che determinano l’impronta artistica di ogni autore cambiano nel tempo per colpa dell’avanzare dell’età o per via del deterioramento cognitivo. Dalle loro osservazioni è così emerso che attraverso questa analisi è possibile capire quali artisti sono invecchiati in salute e quali invece hanno avuto malattie neurodegenerative.

«Speriamo che la nostra innovazione possa aprire nuovi filoni di ricerca che aiuteranno a diagnosticare le malattie neurologiche nei primissimi stadi di sviluppo»,

conclude Forsythe.

Fonte

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up