VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Baciare a distanza con Kissenger


Baciare a distanza con Kissenger. Si dice spesso che l’uso di cellulari, tablet e dintorni mettono a rischio le relazioni concrete, tattili, con il prossimo. Ci si manda messaggi e mail, si postano foto e video ma il contatto fisico langue. Ecco allora che, in aiuto, arriva Kissenger. Che non è una storpiatura del nome dell’ex segretario di stato americano degli anni Settanta, ma una periferica per smartphone che permette di baciare a chilometri di distanza. Una specie di mobile messenger a fior di labbra a metà fra il gadget tecnologico e il sex toy.

Non a caso è stato presentato qualche giorno fa in Cina nell’evento sessual-futuristico Love and Sex with Robots Conference dalla creatrice Emma Yann Zhang, una giovane studentessa asiatica impegnata in un dottorato nella City University di Londra.

Baciare a distanza con Kissenger. Si tratta di una sorta di protesi al silicone da installare come una cover sul telefonino

Ha messo insieme le due amate parole Kiss, bacio, e messenger, e ha concretizzato un’idea a cui si pensava da tempo in un prototipo da lanciare sul mercato. Si tratta di una sorta di protesi al silicone da installare come una cover sul telefonino: un grosso tasto-cuscinetto che nasconde una serie di  minuscoli e precisi sensori. Tipo i feedback atipici sfruttati dal nuovo iPhone al posto del tasto Home. In questo caso servono a registrare le pressioni delle labbra, riprodotte sul terminale gemello del baciato lontano. Il tutto grazie a dei particolari meccanismi-attuatori.

Kissenger, che non è ancora in vendita, funziona con una app di messaggistica. Compatibile con iOS andrà comunque aggiornato visto che sfrutta l’uscita minijack per le cuffie, eliminata sull’ultimo iPhone. La giovane Zhang ammette che l’effetto non riproduce al 100% un vero bacio ma assicura che con il suo team farà di tutto per migliorare questa esperienza, fino a renderla iper realista. L’obiettivo è ambizioso quanto leggermente inquietante: incorporare in futuro anche un sistema di trasmissione degli odori da partner a partner e dintorni.

Luisa Mosello

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up