VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Mostro marino ingoia uno squalo bianco di 3 metri


Il mostro marino è da sempre un essere che popola le nostre fantasie, diversi sono i racconti e le storie incredibili che ruotano attorno ad uno di essi. Sappiamo che in lontani tempi passati i mostri marini esistevano davvero ma ai giorni nostri sembra non ce ne sia più traccia. Ogni tanto spunta qualche storia avvalorata dal testimone oculare di turno, che per vari motivi, non riesce poi a produrre una qualche prova tangibile della sua storia. Uno degli esempi che più di altri riaffiora alla mente è sicuramente il mostro di loch ness. Di questo essere misterioso o presunto tale, esiste solamente una mezza fotografia sfuocata che rende praticamente irriconoscibile l’attore principale.

La storia che riportiamo oggi proviene dai mari australiani, dove alcuni ricercatori stavano monitorando da diversi mesi uno squalo bianco lungo 3 metri attraverso un sistema elettronico e dei sensori.

I suoi spostamenti, le sua attività ed i suoi parametri vitali sono stati tracciati per tutto il periodo. Poi è successa una cosa inaspettata all’improvviso la sua temperatura corporea è salita vertiginosamente e il predatore è sparito dai radar.

Secondo i ricercatori l’unica spiegazione scientifica plausibile è anche quella più irrazionale che ha lasciato di stucco gli specialisti del settore.

“Questo aumento di temperatura improvvisa avviene solamente quando un essere viene inghiottito e mangiato da un altro essere molto più grande di lui.”

Anche in questo caso esistono delle tracce, delle evidenze documentate scientificamente ma le prove vere e proprie non ne abbiamo. Ora, non essendo degli specialisti del settore e non avendo a disposizione la stria completa non vogliamo ne possiamo assolutamente negare la possibilità di un mostro marino. Anche se un paio di domande semplici possiamo porcele:

  1. può lo squalo essere stato catturato da un qualche peschereccio e messo sotto ghiaccio?
  2. è possibile che abbia avuto una qualche colluttazione con un suo pari e nell’occasione ed abbia perso il proprio corredo elettronico.

Attendiamo aggiornamenti in merito…

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up