VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Università telematica: i vantaggi


Considerando la loro rapida diffusione nel corso degli ultimi anni, sono ormai rimasti davvero in pochi a non sapere che cos’è un’università telematica. Si tratta di enti universitari a tutti gli effetti, che sono stati riconosciuti anche dal Miur, il “Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca”, e i titoli di studio conseguiti in un’università telematica hanno lo stesso valore di quelli ottenuti negli atenei fisici, come stabilito dal decreto legge dell’aprile 2003. Per il resto i tratti comuni fra gli atenei online e quelli tradizionali sono pochi. Vediamo perché.

Le università telematiche si basano soprattutto sull’e-learning come metodo di studio, vale a dire l’apprendimento per via telematica. Questo significa che le lezioni si tengono prevalentemente online, sfruttando i sistemi di video-conferenza, e tutto il materiale necessario per lo studio può essere consultato attraverso la piattaforma internet che la stessa università telematica mette a disposizione dei propri iscritti. Questo sistema è molto valido, tanto che pure gli atenei tradizionali hanno deciso di dotarsi di piattaforme di e-learning, in grado di assicurare non pochi vantaggi. Un esempio di questo è la UniCusano di Roma che oltre ad essere una università telematica, eroga anche servizi in perfetto accordo “classico” quindi chiunque voglia seguire dal vivo le lezione è libero di farlo.

Nelle università online gli studenti possono fare affidamento sul supporto di un tutor, che li segue negli studi nel corso dell’anno. In principio ad iscriversi maggiormente negli atenei telematici erano le persone che già avevano un lavoro e dunque la necessità di gestire in maniera diversa il tempo a disposizione, dovendo dividersi fra lavoro e studi. Negli ultimi anni, però, anche gli studenti appena diplomati decidono di puntare sulle università telematiche per diverse ragioni. La prima può essere la ricerca della propria indipendenza.

Seguire i corsi di un’università telematica, infatti, consente di gestire lo studio in maniera più efficiente e questo permette di avere del tempo a disposizione per dedicarsi ad un lavoro, part-time ma non solo, il quale può assicurare al giovane l’indipendenza parziale o totale dal punto di vista economico. Lo sviluppo tecnologico, poi, consente di seguire il proprio percorso universitario attraverso diversi supporti; non esiste più, infatti, solo il computer, il quale negli ultimi anni è stato affiancato da tablet e smartphone, altri dispositivi estremamente utili se si decide di iscriversi ad un’università telematica.

Il primo, indubbio, vantaggio nel frequentare un ateneo online è la flessibilità degli orari, visto che le lezioni possono essere seguite dagli studenti in qualunque momento della giornata, a prescindere dai loro impegni. L’università telematica non impone alcun vincolo in tal senso: le video-lezioni vengono messe a disposizione degli iscritti sul sito dell’università e a quel punto possono essere visionate a qualunque ora del giorno. Allo stesso modo, online può essere consultato in qualsiasi momento il materiale didattico.

Tutto ciò che serve per preparare un esame viene reso disponibile sulla piattaforma online e gli studenti, anche in questo caso, possono usufruirne a loro piacimento. Come già anticipato in precedenza, lo studente viene seguito passo per passo da un tutor personale, il quale è incaricato di seguire il proprio studente nel percorso di studi. Ogni iscritto, dunque, potrà rivolgersi al suo tutor per ogni dubbio o chiarimento e il contatto fra i due sarà costante, via e-mail oppure chat. Il vantaggio principale, però, è che le lezioni si possono seguire da casa comodamente.

L’e-learning è vantaggioso anche dal lato economico, basta pensare agli studenti fuori sede che devono fare i conti con affitto, bollette e altre spese. Frequentando un’università telematica, invece, dovranno spostarsi esclusivamente per sostenere gli esami e l’unico costo sarà quello relativo al viaggio. Nient’altro graverà sulle loro finanze o su quelle delle loro famiglie.

Sarà molto stretto anche il rapporto con i docenti, ai quali si potranno chiedere spiegazioni ulteriori o chiarimenti in chat o in video-conferenza, con appuntamenti precisi che abbattono i tempi di attesa e soprattutto evitano ciò che negli atenei tradizionali sembra ormai una prassi: ovvero l’inseguimento del professore fra corridoi e aule universitarie. Le università telematiche hanno saputo sfruttare al meglio ciò che la tecnologia ha messo a disposizione per migliorare la proposta in fatto di formazione, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti.

Anna M. F.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up