VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Frequentare una facoltà di psicologia può fare la differenza


Quella che apparentemente potrebbe sembrare un’opzione accessibile a tutti, dato che si tratta di qualcosa di naturale, si dimostra invece molto complessa per una larga fetta di persone: parliamo della lettura di un testo che, in base agli studi sugli individui affetti da dislessia, mette in seria difficoltà il 10% della popolazione (oltre 700 milioni di individui). Da questo punto di vista, un team di ricercatori torinesi ha realizzato un carattere tipografico (ribattezzato EasyReading) pensato proprio per i dislessici: secondo gli studi effettuati dalla psicologa e psicoterapeuta Christina Bachmann su un campione di oltre 500 studenti, tale carattere ha effettivamente migliorato la percezione della scrittura e la lettura dei testi sui ragazzi affetti da dislessia.

Le ricerche condotte dalla Bachmann su un campione di giovani alunni sono state fondamentali per applicare gli obiettivi del carattere tipografico EasyReading, e per valutare concretamente gli effetti su individui dislessici. Ma le conoscenze della psicologa le permettono, quotidianamente, di aiutare su diversi livelli le persone che hanno difficoltà di lettura e non solo, essendo il campo della psicologia talmente vasto da trovare numerose applicazioni diverse. E non è un caso che la psicologia sia oggi uno dei percorsi didattici più apprezzati dagli studenti italiani.

 

Come diventare psicologi: la scelta del percorso universitario

Diventare uno psicologo significa innanzitutto prendere una laurea e specializzarsi in uno dei tanti campi di questa disciplina. Se anche voi siete intenzionati a intraprendere questa professione e contribuire in prima persona ad iniziative simili promosse dalla città, sappiate che potrete iscrivervi alla facoltà di psicologia di Torino online, che possiede alcune caratteristiche perfette per i futuri professionisti in questo campo. Scegliendo un’università telematica, infatti, potrete frequentare le lezioni agli orari che preferite, guadagnando il tempo necessario per svolgere in contemporanea lo studio e il tirocinio: un passo fondamentale per accedere all’esame di stato e ottenere l’iscrizione all’albo, necessaria per esercitare in questo ambito così ricco di opportunità.

Professione psicologo: quale indirizzo scegliere?

Il settore della psicologia è talmente variegato da offrire percorsi specialistici adatti a qualsiasi esigenza dello studente. Pertanto potrebbe esservi molto utile una guida sui possibili indirizzi a disposizione, relativa alle figure più interessanti che questo campo propone per gli amanti della psicologia. Sono quindi tre i profili che abbiamo scelto di presentarvi: lo psicologo infantile, lo psicologo del lavoro e lo psicologo clinico.

La prima figura è specializzata nello studio dei comportamenti del bimbo, e nell’affrontare sintomi di patologie mentali che potrebbero emergere più avanti, così come nella cura dei traumi vissuti in tenera età. Lo psicologo del lavoro è invece specializzato nell’analisi delle risorse umane, dei candidati e nello studio dei loro profili psicologici, così da poter indirizzare il personale verso i ruoli per i quali nutrono maggiori potenzialità. Infine, lo psicologo clinico: una figura in grado di analizzare scientificamente le patologie della mente, strutturando dei percorsi di guarigione basati su ricerche riconosciute a livello mondiale.

Anna M.F.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up