Koimano Logo
Giugno 6, 2018
Come funzionano i misuratori di pressione per uso domestico

Condividi questo articolo con i tuoi amici

misuratori di pressione per uso domestico rappresentano un prezioso strumento diagnostico per un’operazione – la misurazione della pressione arteriosa, appunto – che è ritenuta indispensabile non solo per la prevenzione delle malattie cardiache, vascolari e cerebrali, ma anche per la loro cura. Tale procedura, inoltre, fa parte dei protocolli che riguardano le malattie d’organo, come quelle a carico dei reni e dei polmoni, e le cosiddette malattie del colesterolo, oltre che il diabete. I misuratori vengono adoperati in ambito sportivo per tenere sotto controllo l’attività cardiaca e respiratoria degli atleti, ma anche per le donne in gravidanza, dal momento che condizioni come l’eclampsia e la preeclampsia rischiano di mettere a repentaglio sia il benessere del bambino che quello della mamma. La Farmacia Pelizzo, una delle farmacie di turno di Udine, più conosciute, ci spiega tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

La misurazione di pressione arteriosa in ambito domestico, nel monitoraggio costante, si è rivelata un’integrazione indispensabile per la misurazione in ambulatorio. Gli apparecchi che dovrebbero essere impiegati in casa nella maggior parte delle circostanze sono automatici a bracciale. Per le persone obese, e che quindi hanno arti superiori dalla circonferenza molto elevata, possono essere adottati gli sfigmomanometri da polso. La prima taratura nel complesso è garantita per i primi due anni successivi al momento dell’acquisto, mentre dopo questo periodo la taratura dovrebbe essere effettuata in un centro autorizzato una volta all’anno.

dispositivi più recenti si basano su algoritmi avanzati per convertire in dati clinici i dati fisici, ma permettono di limitare gli errori nelle letture anche attraverso altri strumenti: per esempio, led di diversi colori che cambiano a seconda del valore di pressione che viene segnalato; oppure sensori che indicano che il bracciale è stato applicato in modo non adeguato o che rilevano un’irregolarità del battito del cuore. Gli apparecchi di ultima generazione, inoltre, consentono di memorizzare i dati e dispongono di collegamenti a smartphone o tablet grazie ai quali i dati ricavati possono essere scaricati e condivisi in tempo reale.

Il monitoraggio dell’ipertensione arteriosa e il suo trattamento presuppongono la misurazione dei valori pressori a domicilio, anche per avere riscontri per possibili casi di ipertensione mascherata. Il monitoraggio è raccomandato, inoltre, nell’ambito del mantenimento della terapia farmacologica seguita dai pazienti che soffrono di ipertensione. Occorre, in ogni caso, rispettare sempre le indicazioni fornite per una corretta misurazione: il comportamento che deve essere adottato e la relativa postura, per esempio. Con la misurazione domestica si evita, infine, l’effetto camice bianco che si può innescare in occasione di una visita medica o in ambulatorio.