VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Stai per comprare casa? Attento a questi errori


Gli errori che rischi di commettere nel momento in cui decidi di acquistare casa possono essere molteplici: meglio esserne consapevoli, al fine di prevenirli ed evitare che uno sforzo economico molto ingente si trasformi in una delusione. Uno dei problemi dei nostri connazionali, per esempio, è rappresentato dalla mancanza di cultura finanziaria: ciò vuol dire che a fronte di un investimento così significativo spesso non si dispone della preparazione necessaria per compierlo, dal punto di vista economico e non solo. Facendo i conti, per esempio, tante persone si scordano di aggiungere al costo effettivo dell’immobile tutte le spese supplementari che si rendono necessarie, e che presuppongono un incremento del 10% dell’esborso reale. In caso di un’abitazione nuova c’è da tener presente l’Iva, mentre per un appartamento usato quel che bisogna pagare è l’imposta di registro. Oltre a ciò, sono importanti le imposte catastali. Anche la caparra deve essere presa in considerazione: è vero che poi viene recuperata, ma intanto è una bella somma in uscita.

Il mutuo

Per le nuove costruzioni vicenza o in qualsiasi altra città italiana, pensare al mutuo vuol dire calcolare anche le relative imposte. In particolare, l’imposta ipotecaria corrisponde più o meno al 2% della somma complessiva del mutuo, ma va ricordato che diversi istituti di credito impongono anche la sottoscrizione di una polizza assicurativa, grazie a cui ci si può proteggere rispetto a due rischi (quello della morte del contraente e quello della perdita del posto di lavoro). Se è vero che l’assicurazione si dimostra utile, anche per evitare le pericolose conseguenze di eventi imprevisti, è altrettanto vero che anche essa finisce per incidere sulle spese. Nel momento in cui si redige un primo bilancio dei costi, inoltre, è opportuno contare anche quelli per i mobili.

Gli errori da non commettere

Uno sbaglio tipico è quello di chi si dimentica di considerare le spese condominiali, che costituiscono un’incombenza mensile. Ogni abitazione, inoltre, necessita di manutenzione; e poi ci sono i costi per l’ascensore, quelli per l’antenna, quelli per la facciata, e così via. Non si pensi che con un’abitazione indipendente la situazione cambi, anzi: si finisce per pagare ancora di più. L’elenco degli errori da evitare include anche i mutui eccessivamente lunghi: gli esperti, infatti, suggeriscono di evitare quelli che durano più di 25 anni, in quanto con gli interessi la spesa risulterebbe non proporzionata. Nel caso in cui si opti per un’ipoteca a tasso variabile, è sempre bene pensare all’Euribor: il fatto che oggi sia ai minimi non implica che lo sarà anche tra un anno. Informarsi sulle tasse che bisogna pagare, inoltre, è un’abitudine di pochi: il modo migliore per ritrovarsi in crisi senza una adeguata pianificazione delle spese.

Garanzie a parenti e amici: sì o no?

Non è mai raccomandabile chiedere garanzie a parenti o amici, anche perché in presenza di situazioni complicate si finisce per rovinare il rapporto con i propri cari. Decidere di acquistare un appartamento vuol dire anche assumersi delle responsabilità, e se non ci si trova nelle condizioni di poterlo fare è meglio rinviare la scelta a tempi meno infausti. A tal proposito, non bisognerebbe mai avere a che fare con debiti che superino un terzo delle proprie entrate: è la stessa Bankitalia a sostenere che la somma della quota del mutuo e di tutti gli altri debiti – eventuali altri prestiti, rate per spese mediche, e così via – non dovrebbe mai andare al di là del 40% del reddito complessivo.

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up