Detergente per lavatrice: ecco come scegliere quello giusto - KOIMANO
VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Detergente per lavatrice: ecco come scegliere quello giusto


Il bucato è una delle mansioni casalinghe che vanno fatte più spesso, soprattutto se si ha una famiglia numerosa. Attualmente, i metodi per farlo sono cambiati, infatti esistono delle lavatrici e lavasciuga multifunzione che ci permettono di lavare in capi con estrema facilità e rapidità. Tuttavia, l’elettrodomestico può anche essere il migliore nella sua categoria, ma se utilizziamo il prodotto sbagliato rischiamo di non ottenere i risultati sperati e di rimanere con i capi macchiati e/o non abbastanza profumati. A questo proposito, ecco una lista di consigli per scegliere i giusti detersivi da utilizzare per il bucato in lavatrice.

Al giorno d’oggi, il mercato del settore ci offre un vasto assortimento di detersivi, di qualità e non, ed ognuno di essi può avere delle particolari proprietà e profumazioni. Per questo motivo, scegliere il detergente lavatrice giusto potrebbe rivelarsi un’impresa non troppo facile. Infatti, esistono anche diverse marche, ed ognuna di esse promette costantemente dei risultati molto soddisfacenti. Ma di quali detersivi possiamo davvero fidarci?

Per semplificare la scelta, la prima cosa che dobbiamo comprendere è se sono più efficienti i detergenti in polvere oppure quelli liquidi. Rispondere a questa prima domanda, che si pongono molti consumatori è importante, in quanto la risposta potrà già andare a restringere il numero di detersivi per lavatrici tra i quali bisognerà scegliere il migliore, sia in base alla qualità che per quanto riguarda le nostre esigenze e preferenze senza tralasciare il fattore risparmio; per esempio a questa pagina possiamo trovare qualche detergente per lavatrice in promozione.

È interessante sapere che all’inizio, quando arrivarono sul mercato le prime lavatrici, erano disponibili solamente i detergenti in polvere. I detersivi liquidi sono arrivati molti anni dopo e, dopo una serie di comparazioni, solo recentemente è stato possibile capirne le rispettive caratteristiche e ciò che realmente differenzia questi prodotti (consistenza a parte). Perciò, è opportuno sapere che è stato riscontrato che quelli in polvere sono molto più potenti, ovvero sono in grado di eliminare le macchie in maniera molto più efficiente anche con un lavaggio a bassa temperatura. Molti di essi sono anche rafforzati dalla presenza di additivi capaci di sbiancare notevolmente i capi che ne hanno bisogno.

Tuttavia, nonostante la loro elevata efficacia, i detergenti in polvere hanno un difetto non indifferente: possono lasciare residui nella lavatrice e/o, peggio, sui vestiti. Perciò possono provocare delle incrostazioni nelle vaschette o negli scarichi dell’elettrodomestico, e spesso obbligarci a risciacquare i capi con l’acqua calda.

Dall’altra parte abbiamo i detersivi in forma liquida che non hanno le stesse potenzialità di quelli in polvere e che, per questo motivo, richiedono un utilizzo di dosi più elevate. Nonostante ciò, questi prodotti lavano in maniera meno aggressiva e non vanno ad incrostare l’elettrodomestico. Per queste ragioni potrebbero rivelarsi dei detergenti da prendere comunque in considerazione e, certamente, se abbinati con validi smacchiatori liquidi possono fare comunque bene il loro lavoro.

Ad ogni modo, è opportuno considerare che i detersivi liquidi per lavatrice sono meno eco-friendly rispetto a quelli in polvere, ovvero tendono ad inquinare molto di più. Tuttavia, per superare queste problematiche, le aziende stanno iniziando a realizzare dei detergenti in forma liquida che presentano un minore impatto ambientale. Al supermercato è già possibile trovare molti prodotti biodegradabili, costituiti da tensioattivi ricavati dai vegetali.

Dopo questa panoramica, si potrebbe essere ancora un po’ confusi riguardo alla scelta dei detersivi per lavatrice, ma la verità è che la soluzione è molto semplice: prendere il meglio da entrambe le tipologie di detergente. Infatti, il consiglio è di sfruttare le qualità di entrambi, utilizzando l’uno o l’altro in base alla tipologia di lavaggio che dobbiamo effettuare.

Anna M.F.

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scroll Up