Koimano Logo
Luglio 29, 2015
La calligrafia del computer è uguale a quella umana 1

Calligrafia del computer. Per alcuni, il tocco personale e l’emozione che proveniva da una lettera scritta a mano si sta perdendo a causa dell’uso di e-mail, messaggi di testo al computer per inviare messaggi ecc. Ma a sorpresa, anche i computer avranno presto la propria calligrafia personalizzata grazie a delle reti dati che imitano la struttura del cervello umano. Alcuni informatici hanno creato un sistema noto come ‘rete neurale ricorrente’ in grado di generare una propria scrittura.

Il programma impara e crea del testo con una scrittura simile a quella umana imitando il movimento di una penna proprio come farebbe una persone reale. Il sistema può quindi utilizzare quanto appreso per imitare gli stili di scrittura a mano e persino crearne alcuni personalizzati.

Attualmente il sistema riceve il testo che viene immesso compilando un campo dati, non è ancora in grado di produrre un proprio contenuto, ma è perfettamente in grado di produrre una scrittura indistinguibile da una autentica nota scritta a mano.

Dal prossimo anno, per i bambini Finlandesi non sarà più obbligatorio imparare la scrittura corsiva. Dovranno imparare a parte questa materia. Saranno le singole scuole a scegliere se insegnare questa vecchia materia o sostituirla con la digitazione su tastiera. Sulla base educativa il paese ha ritenuto utile pensare che il cambiamento si deve riflette anche nella scrittura, per cui, l’abilità di battitura è divenuta più rilevante della scrittura a mano anche se alcuni esperti sostengono che la mossa potrebbe danneggiare lo sviluppo del cervello di un bambino. In alcuni Comuni campioni del centro Initiative negli Stati Uniti, nel settembre 2013, avvenne in modo  analogo una cosa simile. La scrittura corsiva venne rimossa dagli insegnamenti ed esclusa come competenza obbligatoria.

In un recente studio presso l‘Indiana University, i ricercatori hanno condotto scansioni del cervello prima e dopo aver appreso e scritto le singole lettere. Nei bambini che praticavano la scrittura a mano, l’attività neurale era più avanzata rispetto a quelli che avevano semplicemente guardato lettere.

E, il cosiddetto ‘circuito di lettura’ del cervello, una regione di connessioni e collegamenti che si attivano durante la fase di lettura e che si è attivato durante la scrittura, ma non durante la digitazione su tastiera.

Calligrafia del computer i test

MailOnline ha fatto un esperimento riproducendo al computer con dei testi di Bad Blood, di Taylor Swift e un estratto dal famoso discorso di Gettysburg di Abramo Lincoln nel 1863. I risultati sembrano più simili a quelli di un bambino della scuola elementare che le lettere curate in modo artigianale di un artista di calligrafia.

Alcune delle parole si scontrano, altre sono illeggibili e le linee stesse si inclinano in modo allarmante in discesa. A un certo punto è sembrato che il sistema soffrisse un po quando la penna virtuale sembrava andare alla deriva fuori dai bordi della pagina. Il testo in alcuni casi presentava degli scarabocchi e degli errori, proprio come avrebbe fatto un essere umano reale.

Il sistema è stato sviluppato dallo scienziato informatico Alex Graves, presso l’Università di Toronto per dimostrare come una rete neurale può essere addestrata a compiti nuovi.

“Le sequenze risultanti sono sufficientemente convincenti e spesso non possono essere distinte da vera scrittura a mano. Inoltre, questo realismo è stato ottenuto senza sacrificare la diversità di stile in scrittura.”

Calligrafia del computer la situazione

Il computer attualmente può generare uno dei cinque stili che imitano lo stile di scrittura di un essere umano o può creare uno stile tutto suo su base casuale proprio come un essere umano

programma che simula la calligrafia
programma che simula la calligrafia

Un prototipo del sistema è on-line consente agli utenti di inserire fino a 100 caratteri alla volta in un campo di testo, questo significa che più parti della calligrafia simulata potranno avere un aspetto variabile. E’ possibile rendere la scrittura più leggibile o più ordinata attraverso l’uso di un cursore (BIAS) che ha il compito di  migliora la scrittura.

Reti neurali ricorrenti sono in fase di sviluppo come parte della ricerca per lo sviluppo dell’intelligenza artificiale che imita le connessioni dei veri neuroni collegando ciascuna unità con le altre circostanti. Si collegano le unità di base in un ciclo che tratta con le informazioni parziali per sviluppare la scrittura.

Graves, ha pubblicato un articolo del suo lavoro su arXiv.org, e spera di adattare il sistema di scrittura a mano per la prossima generazione di input vocale dicendo:

 “La sintesi della scrittura a mano rischia di essere più impegnativa a causa della maggiore dimensionalità dei punti dati. Sarebbe interessante sviluppare un meccanismo per estrarre automaticamente le annotazioni di alto livello partendo dai dati di sequenza. Nel caso della scrittura a mano, questo potrebbe consentire caratteristiche stilistiche nelle diverse forme per la stessa lettera”.

LASCIA UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.