VUOI PUBBLICARE UN ARTICOLO SU KOIMANO?Contattaci

Tag Archives: cervello

Protesi neuronale nel cervello per migliorare la memoria

Migliorare la memoria con una protesi neurale nel cervello

Migliorare la memoria umana con una protesi esterna? Se ne parla da anni nel mondo della fantascienza, e tutti ormai accettano, con più o meno ottimismo, che prima o poi succederà. Beh, è successo. Nello specifico, degli elettrodi sono stati utilizzati per migliorare in modo significativo la memoria di un gruppo di persone. Come migliorare la memoria […]

Continua a leggere...

Interruttore dell'onestà è nel cervello

Interruttore dell’onestà è nel cervello

Interruttore dell’onestà. Furbetti del quartierino, furbetti del cartellino, cricche, evasori, cerchi magici: sfogliando i giornali vi chiedete sempre dov’è finita l’onestà? E allora tenetevi pronti con occhiali da vista, lenti di ingrandimento e microscopi alla mano, perché a quanto pare l’hanno trovata. L’interruttore dell’onestà si trova nella corteccia prefrontale dorsolaterale destra L’onestà si nasconde in […]

Continua a leggere...

Anziani super, il cervello invecchia lentamente

Anziani super, il cervello invecchia lentamente

Anziani super. Il cervello degli anziani super che mantengono funzioni mentali sempre giovani – i cosiddetti superAger – invecchia più lentamente rispetto a quello di coetanei anziani normali il cui cervello perde progressivamente colpi andando incontro ad atrofia nel corso del tempo. La velocità di invecchiamento (ovvero di perdita di volume cerebrale) di un anziano […]

Continua a leggere...

Piccola proteina che protegge il cervello dalle conseguenze dell'ictus 1

Piccola proteina che protegge il cervello dalle conseguenze dell’ictus

Piccola proteina. Si chiama Hi1a ed è una piccola proteina che protegge il cervello dai danni cerebrali causati dall’ictus. La scoperta è dei ricercatori australiani dell’Università Monash che, in collaborazione con colleghi dell’Università del Queensland, annunciano sulla rivista Pnas i risultati di uno studio basato sui ratti. Per ottenere questa preziosa molecola, i ricercatori hanno esplorato […]

Continua a leggere...

Nuova scoperta su come funziona il cervello

Nuova scoperta su come funziona il cervello

Nuova scoperta su come funziona il cervello. Il nostro cervello è 10 volte più attivo di quanto fino ad oggi ritenuto. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista Science, che potrebbe cambiare la comprensione di come funziona il nostro cervello e portare a nuovi approcci per il trattamento di disturbi neurologici. Nuova scoperta su come […]

Continua a leggere...

Attività sessuale dopo i 50 anni fa bene al cervello

Attività sessuale dopo i 50 anni fa bene al cervello

Attività sessuale dopo i 50 anni. Una soddisfacente attività sessuale dopo i 50 anni fa bene non solo alla coppia, ma anche al cervello: aiuta a rallentare il declino cognitivo e a rafforzare la capacità di ricordare. Attività sessuale dopo i 50 anni. Migliora la memoria A dimostrarlo è uno studio della Coventry University, pubblicato su […]

Continua a leggere...

Pupille grandi sono indicatori di capacità mentali

Pupille grandi sono indicatori di capacità mentali

Pupille grandi. L’intelligenza te la leggo negli occhi, infatti la grandezza delle pupille è un ottimo indicatore delle capacità mentali di un individuo. E’ quanto suggerito dai risultati di una ricerca pubblicata sulla rivista Cognitive Psychology. Pupille grandi, la grandezza delle pupille è un ottimo indicatore delle capacità mentali. Lo studio Condotto presso la Georgia Institute […]

Continua a leggere...

Ormone frena appetito, si trova nelle ossa

Ormone frena appetito, si trova nelle ossa

Ormone frena appetito. Scoperto nelle ossa un ormone che spegne l’appetito agendo direttamente sul cervello e che potrebbe divenire un nuovo alleato nella lotta a obesità, disfunzioni metaboliche e diabete. Reso noto sulla rivista Nature, è il risultato di un team di ricercatori della Columbia University Medical Center (CUMC) tra cui l’italiano Antonio Maurizi. Ormone […]

Continua a leggere...

Curare senza chirurgia alcune patologie delle articolazioni

Curare senza chirurgia alcune patologie delle articolazioni

Curare senza chirurgia. Formicolii, dolori, rigidità: le mani lanciano dei messaggi ben precisi nel tentativo di far capire che non stanno bene. Peccato che questi s.o.s. raramente vengono raccolti, perdendo tempo prezioso. La prova? Il dito a scatto, cioè che di tanto in tanto si blocca e fa male: in due casi su tre si […]

Continua a leggere...

Anoressia cronica, si può curare stimolando il cervello in profondità

Anoressia cronica, si può curare stimolando il cervello in profondità

Anoressia cronica. Stimolando il cervello in profondità si può curare l’anoressia cronica. La tecnica – basata sull’impianto di elettrodi in profondità nel cervello – è risultata sicura e capace di migliorare il peso e allo stesso tempo la salute mentale dei pazienti, con miglioramento dell’umore e del benessere e riduzione di ansia. Lo rivela un […]

Continua a leggere...

Quali sono le cause delle vertigini?

Quali sono le cause delle vertigini?

Cause delle vertigini. La vertigine è una sensazione illusoria che provoca l’impressione di rotazione o dell’ambiente circostante o della propria persona anche se i piedi sono ben saldi a terra e si è del tutto immobili. E’ una condizione che coinvolge la vista e la percezione di sè e del mondo circostante, l’equilibrio e la […]

Continua a leggere...

Maternità, cambia il cervello della donna

Maternità, cambia il cervello della donna

Maternità. I cambiamenti ormonali durante la gravidanza alterano la struttura cerebrale della madre, riducendo il volume di alcune specifiche regioni cerebrali per un lungo periodo di tempo, tanto che dall’analisi delle immagini di risonanza magnetica del cervello è possibile capire se una donna ha avuto figli o no. Questi cambiamenti, che interessano aree della cognizione […]

Continua a leggere...

Uva per prevenire l'Alzheimer

Uva per prevenire l’Alzheimer

Uva per prevenire l’Alzheimer. Una dieta ricca di uva può essere l’arma in più per prevenire l’Alzheimer. Consumando questa frutta due volte al giorno per sei mesi si riduce, in persone con un decadimento precoce della memoria, il declino metabolico di aree del cervello correlate a questa malattia. È quanto emerge da una ricerca pilota, […]

Continua a leggere...

Scroll Up