Koimano Logo

Koimano feed rss le nostre notizie ovunque sei

Condividi questo articolo con i tuoi amici


Prima Pagina 

Alimentazione

Ambiente

Animali

Archeologia

Arte

Cultura

Mistero

Natura

Religione

Salute

Scienza

Sociale

Notizie curiose

Tecnologia

 

Il servizio Koimano feed rss: Cos’è, coma attivarlo, come funziona

Cos’è un feed RSS

La sigla RSS, acronimo di really simple syndication, indica una tecnologia che permette di conoscere rapidamente i contenuti di un sito web, e di raggiungere le pagine di proprio interesse con un solo clic. Questo avviene attraverso la creazione di un cosiddetto feed (‘flusso’), sempre aggiornato appena i nuovi contenuti si rendono disponibili.
Essendo così comoda, la tecnologia rss ha preso rapidamente piede tra gli utenti per tenersi aggiornati sugli articoli pubblicati sui propri siti e blog preferiti, e per ottimizzare i tempi di navigazione, invece di dover visitare una per volta le home page di tutti i siti. Gli sviluppatori dei principali browser, con la notevole eccezione di Internet Explorer, hanno notato il crescente successo di rss e hanno da tempo integrato in essi le funzionalità base per questa tecnologia. Si sono diffusi anche strumenti dedicati, i cosiddetti feed reader o aggregatori (di diverse fonti informative), che offrono il massimo in termini di funzionalità. Alcuni feed reader sono gratuiti, altri sono a pagamento. Una via di mezzo è rappresentata dai plug-in, moduli da aggiungere a un programma principale (come Firefox, Internet Explorer, Safari, Outlook, Thunderbird…) per abilitare una gestione più avanzata dei feed e relativi contenuti, anche se non pari a quella di un feed reader. Offrono il vantaggio di evitare all’utente la necessità di imparare un nuovo strumento.

 

Per approfondire tecnicamente questo tema maggiori informazioni sono reperibili su Wikipedia all’indirizzo:

http://wikipedia.it/wiki/wiki/Really_simple_syndication

 

Come usare i feed RSS

I browser dotati del supporto per rss segnalano all’utente la disponibilità di un feed quando ne ‘vedono’ il comando all’interno della pagina. Ad esempio Firefox mostra un’icona colorata, Maxthon un pop-up. Spesso i siti hanno un piccolo logo o scritta nella testata, tipo rss o xml, per avvisare del servizio anche chi utilizza un browser che non lo supporta.

In presenza di questi segnali basta cliccare (sull’icona, sul pop-up) per comunicare al browser che si desidera sottoscrivere il feed, cioè inserirlo tra i propri preferiti. Il browser chiede allora di specificare un nome, che si può scegliere liberamente come per un normale bookmark. Il sito ne propone sempre uno e fornisce anche l’indirizzo (url) del feed. Quest’ultima informazione è di tipo tecnico e non va modificata.
Il passaggio successivo per il browser è di leggere il feed dall’indirizzo specificato. Se non si verificano problemi tecnici, il feed viene aggiunto alla lista di quelli sottoscritti. Potrà essere consultato e rimosso in qualunque momento.
Quasi sempre lo strumento usato per rss, sia esso il browser, un plug-in o un aggregatore, permette di sottoscrivere manualmente i feed, anche quando non si è collegati a Internet e senza visitare la relativa pagina web. In questo caso bisogna fornire a mano le informazioni necessarie, cioè nome del sito e url del feed. Se i dati inseriti sono corretti, il feed viene aggiunto alla lista delle sottoscrizioni.